Parco faunistico Wildpark Aurach a Kitzbuhel

Parco faunistico Wildpark Aurach a Kitzbuhel

A Kitzbuhel le attività da fare con bambini sono tante, ma quella che vi stiamo per raccontare, le batte tutte: il parco faunistico Wildpark di Aurach. Siamo sicuri che i vostri bambini a fine giornata saranno al settimo cielo. Essendo i nostri bambini dei grandissimi amanti degli animali abbiamo pensato di fare loro un regalo speciale: un’intera giornata in un parco faunistico.

Il Wildpark Aurach è un meraviglioso parco con tanti animaletti alpini allo stato brado, vicino a Kitzbuhel.

A dire il vero questo parco precisamente si trova ad Aurach, una frazione di Kitzbuhel. L’abbiamo raggiunto in camper la sera prima, dicendo ai ragazzi che il giorno seguente ci sarebbe stata una bellissima sorpresa per loro.

A poche centinaia di metri dal parco faunistico abbiamo sostato nel parcheggio P2 del parco faunistico Wildpark Aurach, piuttosto spazioso e ai margini di un bosco. Ancora una volta, per la nostra gioia, nessun divieto per la sosta notturna. Due cunei sotto le ruote del lato sinistro e la bolla del camper è tornata perfettamente al centro!

Dopo esserci documentati su questo meraviglioso parco faunistico a Kitzbuhel  eravamo preparati su cosa ci aspettasse e pensavamo di non trovare sorprese.

Una volta giunti in loco però, ciò che abbiamo trovato ha superato di gran lunga le nostre aspettative.

Branchi di cervi e daini accovacciati ovunque, asinelli liberi che si facevano accarezzare, qualche casetta con rapaci notturni e altri animali delle Alpi. C’è anche una stalla con gli animali da far accarezzare ai bambini: conigli, lama, pecorelle e pony.

animali del parco fautistico di Aurach Kitzbuhel
i bambini accarezzano un asinello

Le caprette coccolone

Ma la cosa che più ha attratto i nostri bambini sono state le caprette. Decine e decine di capre libere che gironzolavano intorno alle poche persone presenti.

Le capre adulte sembravano dei cagnolini, sempre in cerca di carezze e coccole. I piccoli invece erano più diffidenti.

capre da accarezzare

L’attenzione di Davide, il nostro piccolino, è caduta in particolare su due cuccioli che saltavano da un masso all’altro. Il nostro babbo Mauro, da bravo papà, ha cercato di prenderne una per farla accarezzare al suo bambino. Con grande diffidenza quelle vivacissime caprette scappavano impaurite senza farsi toccare da nessuno.

Caparbio come sempre Davidino, con la sua dolcezza, è riuscito pian piano ad avvicinarsi a quei due cuccioli di capra. Nemmeno il tempo di scattare qualche foto ai maestosi cervi, ci siamo voltati e lo abbiamo visto con in braccio una capretta che ha battezzato “Cordy”.

una capretta da coccolare
parco faunistico di Kitzbuhel caprette in braccio

L'amore nato nel parco faunistico

A quel punto la sua visita alle altre zone del parco faunistico Wildpark Aurach era finita. Non siamo più riusciti a portarlo via dal suo amico del cuore. Baci, carezze e coccole al punto da far addormentare quella dolce capretta color marrone scuro con le zampette nere fra le sue braccia.

il nostro bambino coccola la capretta
carezze alla capretta nel parco faunistico di Kitzbuhel

Anche Cristian in questo posto da favola ha trovato un amico. Una vivace capretta “adolescente” che con le sue piccole corna giocava a spingerlo e lo seguiva ovunque.

Il momento dei saluti è stato molto triste. Al piccolo Davidino è scesa qualche lacrima per dover dire addio al suo nuovo amico, ma era giunta l’ora di ripartire verso una nuova avventura. Il Kids Park Klaus Auele a Neustift im Stubaital ci stava aspettando!

addio amico
Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Debora e Mauro

Articoli correlati

Viaggio in Svezia con bambini seconda parte

Viaggio in Svezia con bambini seconda parte

Cosa vedere a Berlino con i bambini

Cosa vedere a Berlino con i bambini

Viaggio in Bretagna sulla Costa di Granito Rosa – seconda parte del viaggio

Viaggio in Bretagna sulla Costa di Granito Rosa – seconda parte del viaggio

Viaggio in Bretagna tra fari e scogliere – prima parte

Viaggio in Bretagna tra fari e scogliere – prima parte

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.